Massimo Di Cave Architetto | Chi Sono
348529
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-348529,eltd-cpt-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,massimo di cave-ver-1.7, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_with_content,width_370,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
Presentazione

Massimo di Cave Architetto

Architetto, pittore e scultore romano di origini ebraiche e friulane; schivo e raffinato artigiano, in una solitudine di intenso lavoro quotidiano, è interprete di una realtà visionaria dove l’inconsapevolezza Borrominiana della creazione genera entusiasmo e contaminazione.

Creativo, pragmatico e prolifico, si forma nell’ambiente culturale romano, prima il liceo poi la laurea in architettura a Roma; i viaggi a Milano nel periodo del raffinato design, a Parigi, Londra, Barcellona e New York dove perfeziona, in un confronto culturale internazionale, il suo originale linguaggio.

Sceglie di lavorare nel campo dell’architettura d’interni realizzando numerosi progetti  nel  Lazio, in particolare a Roma, città d’origine dove maggiormente opera, ma anche altrove, in Toscana, in Francia e a New York.

L’artista recupera in controtendenza l’artigianato dell’arte; esili figure scavate nella materia, collage e  dipinti si propongono con la forza e l’energia del colore e le opere di architettura d’interni si concretizzano in una realtà fisica abitativa verso la contemporaneità.

Nel 2007 a Roma espone alla Galleria Cassiopea, dove l’uomo con tutte le sue miserie, debolezze e contraddizioni vaga alla ricerca disperata di un equilibrio tra la vita e la morte, il bene e il male.

La sofferenza degli esseri umani e il loro desiderio di redenzione è ben rappresentata dal Cristo in Croce, verso cui protende le braccia un uomo che rappresenta il desiderio di elevazione dell’umanità, in mostra permanente a Roma nella Chiesa di San Pio X

Gli stessi temi sono stati poi sviluppati nelle oltre sessanta opere esposte nel giugno 2008 a Roma alla Galleria dei Leoni nella storica Via Margutta.

Dopo svariate collettive, nel maggio 2009 una grande mostra patrocinata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, presentata dal Prof. Vittorio Sgarbi, lo vede protagonista, nelle sale del Museo degli Strumenti Musicali di Roma, dove effettua un vero e proprio trasloco del suo “laboratorio atelier” condividendo con il visitatore la sua idea di arte, espressione creativa che, ancorata con forza alla contemporaneità, conserva il sapore e il gusto antico di una manualità di altri tempi.

Il 3 Dicembre 2009 l’artista romano valica le Alpi ed approda a Parigi, nella Galleria d’Arte Contemporanea di Corrado Bortone a rue Mazarine n. 13, con una personale dal titolo “Lègende Guerrière”. La Mostra riscuote consensi di pubblico internazionale e svariate sono le opere esposte in importanti collezioni private e luoghi pubblici, come il noto Ristorante “Antoine” al 10 di avenue de New York, dove si possono ammirare tre grandi opere del maestro.

Il 24 febbraio 2010 torna a Roma con una mostra dal titolo “Francobolli di Contemporaneità” nel cuore della città storica in via dei Bergamaschi n. 49, nella scatola d’arte di Rosaria e Federico Mondello dove espone 20 piccolissime opere di grande intensità.

Nei primi mesi del 2010 viene chiamato a tenere delle lezioni-conferenze singole e collettive agli studenti della Loyola University of Chicago in Rome, raccontando le sue esperienze artistiche ed imprenditoriali in un percorso variegato e complesso, soffermandosi in particolare sul tema centrale della creatività.

Il 23 Novembre 2010 l’artista partecipa alla serata di beneficenza “ Vorrei …2010”, presso l’Auditorium della Conciliazione di Roma, donando un’opera di grandi dimensioni dal titolo “Ifigenia”. All’evento, promosso dalla Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica, sono presenti personalità del mondo della cultura e dello spettacolo. Ospiti speciali della serata la contessa Marta Marzotto e Matteo Marzotto vicepresidente della Fondazione.

Dal 1 al 12 Dicembre 2010 Massimo Di Cave presenta a Roma una personale alla Galleria dei Leoni in via Margutta dal titolo “ My- lab- art ”. Per la prima volta una galleria d’arte viene avvolta interamente in teli di nylon e cartoni, contaminata dagli attrezzi di lavoro, da tavole, barattoli di colore e palanche. Gli spazi solitamente utilizzati per esporre opere si trasformano nel cantiere dell’architetto che ricrea il proprio “laboratorio d’arte” in una suggestiva atmosfera di creatività ed emozione. Presenti all’evento, giornalisti, personaggi della cultura, dell’arte e della nobiltà romana che hanno molto apprezzato l’originalità della mostra.

L’artista architetto partecipa dal 13 al 22 giugno 2011 a Roma all’evento di solidarietà “ Emergenza Origami” a sostegno delle popolazioni del Giappone colpite dal terremoto e dallo tsunami, donando una scultura esposta al Margutta RistorArte in Via Margutta ed una opera pittorica di grandi dimensioni in mostra nello Spazio Museale “Centrale Montemartini”
L’evento gode del patrocinio e del sostegno dell’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale con il patrocinio dell’Ambasciata del Giappone in collaborazione con la fondazione Italia Giappone. Si ritrovano a mobilitarsi per la grande tragedia, il mondo dell’arte e il mondo della moda in un grande abbraccio di solidarietà e di partecipazione.

Nel luglio 2011 Massimo Di Cave partecipa al progetto “Art Fund Japan”  organizzato dalla  Galleria Monkdogz  Urban  Art di New York donando  un’opera pittorica a favore della popolazione del Giappone colpita dallo tsunami.

Dal 28 agosto al 18 Settembre 2011, presenta la mostra “Il Mondo Magico di Massimo Di Cave” al Museo Archeologico e Chiostro Boccarini di Amelia, una delle città più antiche dell’Umbria, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune .
Reperti archeologici di epoca romana e pitture seicentesche dialogano con opere di architettura, pittura e scultura, in uno spazio di millecinquecento metri quadri, in un’armonia cosmica tra passato, presente e futuro.
La mostra suscita attenzione e interesse da parte delle istituzioni e di un elitario pubblico sensibile all’arte, alla creatività e alla cultura.

Il 15 settembre 2011, in occasione dell’ Evento “Vogue Faschion’s Night Out” promosso a Roma, Di Cave è chiamato ad esporre otto grandi opere di pittura e scultura nel meraviglioso Atelier di Alta Moda della giovane stilista Giada Curti nell’ incantevole cornice di piazza Mignanelli a due passi da Piazza di Spagna. Splendida e suggestiva atmosfera in un dialogo colto e raffinato tra moda ed arte.

L’11 settembre 2012 è invitato a partecipare al dibattito sul tema del riuso, tecnologia e arte sul palco del Maxxi di Roma con l’ospite d’onore della serata, la designer Ludovica Cirillo. Tanti i volti noti del mondo della cultura e dell’arte.

Dal 26 ottobre al 26 dicembre 2012, una mostra di sculture e bassorilievi dal titolo “ Uomini e Ombre” nella splendida cornice degli Spazi espositivi di Romolo nel giardino della Fornarina a Roma nel cuore di Trastevere. Molti i giornalisti ed i personaggi della cultura e dello spettacolo che hanno accolto l’invito amichevole del press office Emilio Sturla Furnò. Tutti i presenti sono stati letteralmente rapiti dalle meravigliose sculture e lo Spazio espositivo si è animato di quel senso qualificante ed essenziale dell’uomo che è la sua spiritualità.

Da marzo 2013 a gennaio 2014  é  in mostra a Parigi nella storica Galleria d’Arte Contemporanea  di Corrado Bortone in rue Mazarine 13.

Nei primissimi mesi dell’anno 2014 partecipa a Venti d’ARTE –l’esperienza del contemporaneo, due mostre collettive organizzate dalla SATURA art gallery in occasione del ventennale della sua fondazione. La prima  a Genova dall’8 al 22 febbraio a Palazzo Stella, la seconda a Milano dal 15 febbraio all’1 marzo nella centralissima galleria MAEC – Milan Art & Events Center  a due passi dal Duomo.

Dal 15 febbraio all’ 8 marzo é invitato  all’evento “ Spoleto meeting Art “  nella prestigiosa  residenza del  Palazzo Vignola a Todi.

Dal 30 maggio all’1 giugno  Massimo Di Cave partecipa al Galà de l’Art 2014, evento artistico patrocinato dall’Ambasciata Italiana nel Principato di Monaco nelle  splendide sale dell’ Hotel de Paris.

Dall’11 al 22 giugno presenta insieme all’artista Paola Romano la mostra “Sconfinamenti” curata da Andrea Romoli Barberini nello splendido spazio espositivo dell’Accademia di Romania in Roma.

Dal 25 luglio al 3 agosto dello stesso anno partecipa al PRESENT ART FESTIVAL – VI Meeting in Shanghai nella suggestiva e moderna cornice della Biblioteca Nazionale di Shanghai PuDong, edificio realizzato nel 2009 dal famoso architetto Nihon Sekkei.

Dal 15 novembre 2014 all’11 gennaio 2015  il MA-EC di Milano presenta “Dicotomia in Equilibrio” una mostra antologica di Massimo Di Cave a cura di Alessia Locatelli. In attesa dell’EXPO 2015, il MA-EC di Milano presenta la mostra ” Scent of Nicety” – una selezione di opere tra i più interessanti artisti promossi dalla galleria interpreti del panorama contemporaneo: Massimo Di Cave, Horst Beyer,  Jorge Cavelier,  Vanda Daminato  e Ping Li.

Nel 2016, il MA-EC di Milano presenta al “Wison Art Museum di Shanghai” gli artisti internazionalitra tra cui l’artista architetto Massimo Di Cave. Una grande inaugurazione alla presenza di numerose personalità dell’ambito culturale e imprenditoriale cinese.

Nel 2017 a seguire una serie di collettive vedono l’artista Di Cave impegnato sempre con la galleria MA-EC sia a  Milano che in Cina.

Il sito di Massimo di Cave è stato creato e gestito da ml3d – Corsi di Grafica 3D, Modellazione 3D e Rendering, Siti Web